Mission: La Nostra idea di Museo

La nostra idea di Museo:

Non considerarci esperti che sviluppano un concetto e lo “impongono” ai visitatori.

Vogliamo invece che:

  • 1. Il cittadino senta il museo come “suo”.

2. Come gestori del museo ci poniamo l’obiettivo di rendere il museo piacevole ad ognuno in base alle proprie personali inclinazioni e preferenze.

 

I nostri obiettivi:

  • 1. Soddisfazione del visitatore
  • 2. Wiki – Museum
  • 3. Low cost – Museum
  • 4. Hyper – Museum

Soddisfazione del visitatore

Dalle nostre analisi sul bisogno del visitatore, rileviamo che l’attenzione può essere attratta da aspetti diversi:

  • 1. le storie “umane” all’origine delle collezioni
  • 2. l’ambientazione accattivante
  • 3. la flessibilità e il dinamismo coi quali vengono cavalcate le opportunità che si presentano, anche in modo improvviso.
  • 4. il racconto del backstage del museo.

Wiki – Museum

L’obiettivo è fare in modo che i cittadini sentano l’istituzione come propria, ogni cittadino deve pensare “questo è il mio museo”. Occorre quindi che più cittadini possibile possano giustamente dire “io ho fatto un pezzo di quel museo”.

In che modo?

  • 1. Promuovere la collaborazione attiva con persone, enti ed istituzioni.
  • 2. Recepire e accogliere le donazioni di collezioni (scientifiche, elementi di arredo o altro materiale pertinente).
  • 3. Valorizzare l’origine delle cose e il lavoro di chi le cura ed espone.

2013/2016: alle inaugurazioni, ci sono i ragazzi dell’Istituto Alberghiero

 

2017: con l’Associazione Bonsaisti della Val Sangone

 

2016-2017: insieme a Legambiente

 

2017: a Messer Tulipano, a Pralormo

 

2017: Adsione alla NOTTE delle MUSE, un progetto a cura del Comune di Pinerolo e di tutti i Musei Cittadini, di riscoperta dei luoghi e delle istituzioni

 

2017: Collaborazione Associazione Astrofili Urania e Liceo Porporato

 

2017: Che erba è? – Collaborazione con il Liceo Porporato di Pinerolo e Maria Teresa Della Beffa, Università di Torino

Low Cost – Museum

In tempi in cui si deve “stringere la cinghia”, noi stiamo lavorando così:

  • 1. Metodi di allestimento fondati sul “riciclaggio di classe” che consentono di ricorrere a risorse gratuite per realizzare allestimenti di qualità.
  • 2. Sviluppo di una rete di donatori che hanno a cuore le sorti del museo e quando trovano risorse le convogliano a destinazione.
  • 3.Pianificazione elastica che ci permette di adattarci a quanto ci viene proposto.

Hyper – Museum

Ogni visitatore ha inclinazioni personali che lo portano a cogliere in modo soggettivo gli aspetti della stessa cosa. Per soddisfare il visitatore occorre perciò un allestimento “multi-punto-di-vista”. Lo stesso allestimento deve permettere di far la visita incentrata su canali diversi come:

  • I contenuti scientifici
  • Un edificio ospitante architettonicamente e artisticamente ricco e gli arredi d’epoca
  • La collezione artistica
  • I personaggi storicamente rilevanti per il museo
  • Attività educative sviluppate sui vari argomenti

 

La biologia del fungo: sfondo bianco.

 

La sistematica dei funghi: sfondo fotografico.

 

La storia e le “storie” dei personaggi: sfondo seppiato.

 

Esempio di interattività: la luminescenza dei minerali.
il visitatore può commutare l’illuminazione e vederne gli effetti.
Ideazione, progettazione e realizzazione totalmente curata dai volontari.