Botanica

IL COLLEZIONISMO SCIENTIFICO E LA COLLEZIONE MICOLOGICA DI MARIO STRANI: PERCHE’ 3000 FUNGHI DI GESSO

A cura di Massimo Martelli, Direttore del Museo di Scienze “Mario Strani”

Mercoledì 23 maggio, ore 17.00
Aula Magna, Orto Botanico di Torino – Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, Viale Mattioli 25, Torino

Come può succedere che venga in mente di passare la vita a realizzare migliaia di funghi di gesso? Per occuparsi di scienza occorre avere uno sviluppato senso dello humour. Altrimenti non si riesce a passare la vita a scoprire che quello che il giorno prima sembrava verissimo era in effetti un cumulo di errori. Lo stesso vale per i mezzi che si usano per fare le scoperte. Occorre inventarsi cose apparentemente strane che occorrono per sviluppare conoscenza.
La collezione di Mario Strani ci offre un’opportunità particolare. (Ri)scoprire lo scopo originale delle collezioni scientifiche che NON sono state inventate per fare la gara a chi ha più pezzi o più belli. Scopriremo come la (apparente) follia di un uomo si trasforma in uno strumento di ricerca.

I Funghi del Dottor Strani

BRUCIO ANCH’IO!

by admin on

BRUCIO ANCH’IO!

Mostra / Evento / Conferenze
Un’analisi sui devastanti effetti degli incendi con approccio artistico, tecnico e scientifico

A cura di Federica Caprioglio, Marco Demaria e lo staff del Museo

Domenica 3 dicembre, ore 15.00 – 18.30,

Museo di Scienze Naturali “M. Strani”

Dedicato a Maggiorino PASSET GROS, primo Presidente dell’Associazione Naturalistica Pinerolese e Ispettore Generale delle Foreste, nel centenario dalla nascita

 

PROGRAMMA:

Inaugurazione della mostra artistica degli allievi dell’illustratrice naturalistica Cristina GIRARD e fotografie di Luca PERINO
Intervento delle Autorità e presentazione dill’iniziativa dello staff del museo e di Massimo MARTELLI, Direttore del Museo Mario Strani
Introduzione di Federica CAPRIOGLIO, Cristina GIRARD e Marco DEMARIA
Performance della Compagnia di Danza Afro Contemporanea Sowilo, diretta da Simona BRUNELLI
Intervento dell’Ispettore Generale Sergio PIRONE, Corpo Volontari AIB Piemonte: “Incendi boschivi: prima, durante e dopo”

Ma non finisce qui:

MERCOLEDI’ 6 DICEMBRE, ore 21.00

Sergio PIRONE, Ispettore Generale del Corpo AIB Piemonte: “Incendi boschivi: prima, durante e dopo”
Pier Giorgio TERZUOLO, Responsabile Area Tecnica Ambiente IPLA: “I boschi del Piemonte, una risorsa. Conoscerli per proteggerli”

MERCOLEDI’ 13 DICEMBRE, ore 21.00

Sergio PIRONE, Ispettore Generale del Corpo AIB Piemonte: “La lotta agli Incendi Boschivi”

 

evento

Locandina dell’evento

IllustriAMO le Foglie! – Elisa Boero Rol

by admin on

IllustriAMO le Foglie
Live Painting performance di illustrazione su Foglia, di Elisa Boero Rol

Domenica 30 Luglio,
Parco di Villa Prever

“Le ultime foglie d’autunno hanno resistito alla ruvidezza del tempo. Hanno atteso di lasciarsi andare tra le braccia del vento. Tutti i giorni le vedi li, impavide, parte di un organismo. E all’improvviso senti un certo cambiamento, un’elettricità nell’aria ed è giunto il momento; Un piccolo soffio e si lasciano andare. Loro decidono quando. E a noi non resta che ammirare questa completezza.”

Le illustrazioni su foglia nascono nel rispetto di questa visione. Con tutta la delicatezza e l’amore possibili, per cristallizzare nel tempo un pezzetto di Autunno!

La performance di pittura “dal vivo” su foglia vuole esplorare nuove forme di illustrazione, sperimentando attraverso la natura. La foglia verrà illustrata, dipinta in acrilico, laccata e incorniciata perche’ si conservi nel tempo.
Potrete incuriosirvi e seguire le fasi della pittura, chiacchierare di illustrazione, farci compagnia nella splendida cornice di Villa Prever e se la tecnica vi incanterà potrete prenotare la vostra foglia illustrata per un regalo speciale o dedicato, in edizione limitata.

ELISA BOERO ROL (Pinerolo, 1986):
Mi chiamo Elisa, la mia vita e’ il disegno. L’illustrazione. Questo basta. E’ necessità, stile di vita, ossigeno, libertà, fatica, fonte di sopravvivenza. Ma e’ prima di tutto Amore. Ed e’ anche Gioco. Non a caso ho studiato illustrazione per l’editoria infantile all’accademia Pictor, sotto lo sguardo vigile e prezioso di Cinzia Ghigliano (una delle maggiori fumettiste italiane). Non a caso. Perché credo che l’infanzia, cosi come la natura siano una porta verso l’infinito. Libere da ogni convenzione razionale. Il mio lavoro e’ dedicato a loro, ed e’ ispirato da loro. Ma e’ anche rivolto ad un pubblico adulto. Perché l’illustrazione sfonda le barriere del tempo. Così ogni volta che prendo in mano una matita penso che il mistero più grande sarebbe quello di riuscire a disegnare con gli occhi dell’infanzia. Sarebbe uno stato di grazia e leggerezza.
Se volete seguirmi e sostenere il mio lavoro, che e’ anche scambio, empatia e condivisione, mi trovate su Facebook e Instagram sotto il brand: Erol Illustrazioni
FB https://www.facebook.com/raccontidimmagini/
INSTAGRAM https://www.instagram.com/erol_illustrations/

Live Painting performance di illustrazione su Foglia, di Elisa Boero Rol

Mutinus elegans

by Marco Cipollone on

Mario Strani ha percepito con forte anticipo rispetto ai tempi l’importanza dei fenomeni naturali e in particolare dei danni recati all’ambiente. Uno dei problemi più complessi che si possano presentare è l’invasione del territorio da parte di specie alloctone [provenienti ed evolutesi in altri ecosistemi]. È difficile capire quali effetti questo comporta ed è tutt’ora inimmaginabile un ripristino della situazione precedente.

Erbario

by Paolo Gardiol on

Che cos’è un erbario?
Generalità sugli erbari.

Il rapporto tra piante e specie vegetali è da sempre stato molto stretto; l’uomo ha dovuto imparare a riconoscere specie a lui utili, in campo alimentare ma soprattutto medicinale. I primi erbari erano libri illustrati dove comparivano annotazioni sull’aspetto e sulle proprietà della specie raffigurate; il primo erbario conosciuto della storia è quello di Dioscoride, un medico di origine greca del basso Medioevo (I sec. d. C.). Questo codice è corredato da  illustrazioni di grande realismo ed oggi è conservato a Vienna.